Recenti notizie
08 APR 2016
Saatchi & Saatchi Italia e AB Comunicazioni si aggiudicano la gara del... Scopri di più...
15 JUL 2015
Saatchi & Saatchi si aggiudica la gara ENEL. Scopri di più...
10 JUL 2015
Il Gruppo Bauli affida l’incarico della comunicazione a Saatchi & Saatchi Scopri di più...
07 JUL 2015
Saatchi & Saatchi firma il ritorno in comunicazione di Nostromo. Dal cuore... Scopri di più...
25 JUN 2015
Saatchi & Saatchi è l’agenzia scelta per il lancio di Scent of Liu Jo, la... Scopri di più...
Comunicati Stampa

Per maggiori informazioni contattare:

Ufficio Stampa Saatchi & Saatchi:

Rachele Dottori – 02.77011 - rachele.dottori@saatchi.it

Ufficio Stampa CoorDown:

Federico De Cesare Viola – 339.5390620 – ufficiostampa@coordown.it

Anche Sharon Stone dona un video per #DammiPiùVoce - La star di Hollywood ha risposto all’appello di Andrea, uno dei 50 ragazzi con sindrome di Down della campagna CoorDown

21 MAR 2013

Oggi, 21 Marzo - Giornata Mondiale sulla sindrome di Down, l’ambiziosa campagna online di sensibilizzazione e raccolta fondi dal nome #DammiPiùVoce di Saatchi & Saatchi e CoorDown ha raccolto più di 40 risposte.


Sono infatti oltre 40 i personaggi famosi che hanno dato più voce ai 50 ragazzi e ragazze con sindrome di Down: tra gli altri Claudio Bisio, Antonella Clerici, Tiziano Ferro, Fiorello, Irene Grandi, Jovanotti, Jose Mourinho, Vincenzo Salemme, Francesco Totti e Javier Zanetti.

Dopo la campagna “Integration Day”, vincitrice di 7 Leoni d’oro ed uno di bronzo al Festival Internazionale della Creatività di Cannes del 2012, Saatchi & Saatchi e CoorDown tornano a collaborare per difendere i diritti delle persone con sindrome di Down.

In Italia sono purtroppo ancora innumerevoli i casi in cui, a causa dei pregiudizi, le persone con sindrome di Down si vedono negare dei diritti fondamentali. Come un giusto sostegno scolastico, i necessari interventi riabilitativi, l'opportunità di svolgere un lavoro proficuo o addirittura la possibilità di divertirsi come i loro coetanei.

Con maggiori fondi a disposizione, sarebbe possibile affermare i loro diritti attraverso l'avvio di azioni di tutela, progetti di inclusione e di autonomia ed una migliore attività di informazione.

E’ per questo che è stata lanciata la campagna #DammiPiùVoce.

Sul sito coordown.it, 50 persone con sindrome di Down hanno chiesto una donazione particolare a 50 personaggi famosi. Non hanno chiesto, infatti, di donare dei soldi. Ma di donare un video. Un video in cui fossero i vip a chiedere di sostenere i diritti delle persone con sindrome di Down con una donazione. Amplificando così la loro voce. Un video che poi, se condiviso dagli stessi vip sui social network, avesse più probabilità di essere ascoltato.

Ognuno dei ragazzi ha chiesto la donazione di un video ad un proprio idolo - Luca a Tiziano Ferro, Giacomo a Francesco Totti, Sara a Fiorello, Andrea addirittura a Sharon Stone, ecc.

L’obiettivo di #DammiPiùVoce  è quello di chiudere la Giornata Mondiale sulla sindrome di Down con il maggior numero di risposte possibile.

L’andamento della campagna può essere seguito su twitter.com/coordown e su facebook.com/coordown.

#DammiPiùVoce è l’hashtag ufficiale per seguire e condividere la campagna su Twitter.

"Siamo molto felici di collaborare ancora con CoorDown – ha commentato Giuseppe Caiazza, Amministratore Delegato di Saatchi & Saatchi in Italia e Head of Automotive Business per Saatchi & Saatchi Emea -. Dopo il successo della campagna dell'anno scorso abbiamo deciso di fare qualcosa di unico insieme. E, come l'anno scorso, ne siamo usciti arricchiti professionalmente, ma anche umanamente".

Agostino Toscana, Direttore Creativo Esecutivo di Saatchi & Saatchi Italia ha dichiarato: "Dopo aver riciclato ecologicamente gli spot tv e gli annunci stampa lo scorso anno, trasformandoli in una grande campagna sull'integrazione, questa volta abbiamo scelto di ottenere il massimo da un altro "modo antico" di fare pubblicità: l'uso del testimonial. Il fatto che tutta la campagna si svolga su una piattaforma digitale, in diretta e in piena trasparenza è un altro tassello di questo disegno comunicativo che stiamo portando avanti insieme agli amici di CoorDown: nel 2012 le aziende che hanno messo i loro commercial al servizio della giornata dell'integrazione, nel 2013 le celebrità che donano la loro voce al fundraising. Ma entrambe le volte in un modo mai visto prima".

“Quest’anno – spiega il Coordinatore Nazionale CoorDown Sergio Silvestre - abbiamo dedicato le nostre energie all’obiettivo più importante: difendere e promuovere i diritti delle persone con sindrome di Down, troppo spesso calpestati dai pregiudizi e dalla mancata applicazione di norme esistenti, soprattutto quelle riguardanti l’inclusione nel mondo del lavoro. Non chiediamo maggiori diritti per i nostri ragazzi ma le stesse opportunità di chiunque altro. Siamo orgogliosi di collaborare anche in quest’occasione, e dopo il successo della scorsa edizione, con la Saatchi & Saatchi che è riuscita nell’impresa di tradurre, con coraggio e idee brillanti, la necessità di amplificare la voce delle persone con sindrome di Down. È questo il tema più importante della Giornata Mondiale sulla sindrome di Down 2013”.